Inaugurata la nuova sede di Pordenone

THE POLINOTE’S ROOFTOP CONCERT Omaggio ai Beatles
23 Agosto 2023
Polinote per la prima volta a Pordenonelegge
12 Settembre 2023
Mostra tutti

Inaugurata la nuova sede di Pordenone

Per rendere ancora più importante ed attrattiva la nostra attività dal 2 settembre abbiamo cambiato la nostra sede pordenonese, trasferendoci al secondo piano della storica Casa dello Studente “Centro Culturale Casa A. Zanussi” in via Concordia. E per festeggiare l’evento sabato 2 settembre abbiamo inaugurato ufficialmente la nuova sede, con un inedito concerto del Polinote Music Festival omaggio ai Beatles. La performance eseguita sulla terrazza panoramica della struttura ha ripreso The Beatles’rooftop concert, la celeberrima esibizione sul tetto di un edificio di Londra che i Beatles fecero nel 1969, rimasto uno dei concerti più famosi e significativi della storia della band. L’ensemble proposto da Polinote, ha riproposto in chiave personale alcuni tra i più famosi e particolari brani della band di Liverpool, proprio ispirandosi a quella che fu l’ultima esibizione pubblica dei Beatles, cantare e suonare sul tetto del mondo, lasciando la musica libera di diffondersi.
Sul palco: Michela Grena – Voce/Effetti , Alberto Milani – Chitarre/ Cori , Enrico Casarotto – Chitarre/Cori, Giovanni Gorgoni – Basso Elettrico , Luca Colussi – Batteria

“La nuova sede ci garantirà una crescita – racconta, entusiasta, Giulia Romanin, presidente di Polinote  culturale e di relazioni, ci permetterà di mantenere e di incrementare la già ampia attività formativa musicale che Polinote realizza. Crediamo che questo trasferimento porterà alla valorizzazione reciproca di entrambe le realtà. La nostra attività sta funzionando molto bene in città e darà un valore aggiunto anche al luogo che ci ospita. Allo stesso tempo i vari servizi di Casa Zanussi (mensa self-service con prezzi agevolati, bar, sale studio “scolastico” e aree ricreativa, postazioni con pc, corsi di lingue, incontri ed eventi, mostre d’arte, auditorium, parcheggio) saranno importanti per i nostri utenti. Il luogo è pronto ad accoglierci ed abbiamo trovato un ambiente aperto, propositivo e intenzionato a supportare la nostra attività. Sarà un nuovo inizio nel 10° anno della nostra attività e, come ho detto ai miei collaboratori, è tempo di rigenerarsi. Questo sarà un cambiamento che porterà ad un rinnovamento, ci regalerà una prospettiva diversa fatta di grandi progetti e stimoli per il futuro.”

Intervenuti anche il Sindaco Alessandro Ciriani, il vicesindaco e assessore alla cultura Alberto Parigi e l’assessora alle Attività Produttive Morena Cristofori

“Vogliamo dimostrare la nostra vicinanza a Polinote – sottolinea il sindaco Alessandro Ciriani – perché la ricerca di una nuova casa ed il conseguente trasferimento non sono mai facili e comportano certamente delle responsabilità. Pordenone ha una lunga tradizione e un legame indissolubile con la cultura musicale, da tutti i punti di vista: da quella più elevata a quella popolare. Polinote in questo senso è un’eccellenza ed era inconcepibile non avesse una sede dove continuare la propria attività. Abbiamo pensato, assieme al presidente dalla Casa Antonio Zanussi Favaro, che questo fosse il luogo più idoneo allo scopo perché qui si sono formate generazioni di ragazzi e la musica è espressione culturale ed artistica. L’obiettivo dell’amministrazione comunale è di collaborare con la Casa dello Studente e Polinote per irrobustirne la presenza e allo stesso tempo i ragazzi che fruiranno dei corsi di Polinote godranno di eccellenti servizi. Questo è un punto di partenza e darà i suoi frutti”

“Che il legame di Pordenone con la musica sia saldo – ribadisce l’Assessore Alberto Parigi – lo hanno dimostrato le tantissime presenze agli eventi musicali dell’Estate in Città. Polinote non è solo scuola di musica, ma è parte integrante di questa vitalità, tant’è che organizza da un paio d’anni il concerto d’apertura della rassegna estiva cittadina. E’ venuto quindi naturale cercare di fare da coordinamento e regia perché due attività importanti per la città come Casa dello Studente e Polinote si parlassero e, grazie alla loro collaborazione, potessero fornire uno spazio importantissimo per tanti giovani. Non una casa qualsiasi per Polinote, ma per Casa dello Studente la conferma di una storica apertura all’arte, alla musica e soprattutto ai giovani”